Gravidanza

Perché non rimango incinta?

La domanda delle domande quando ormai si vuole pensare alle cose “serie” in un rapporto. Dopo la decisione della coppia di voler un bambino si inizia a provare. E tra una prova e l’altra trascorrono i giorni, le settimane, i mesi.

Dopo già 3 o 4 tentativi si comincia a sentire una sensazione particolare soprattutto di nervoso e preoccupazione, ed ecco che si entra in una spirale psicologica tortuosa. Come un cane che si morde la coda. Di seguito voglio riportare alcuni elementi che possono influire sul concepimento ovviamente vanno presi come consigli e per ogni problematica bisogna sempre rivolgersi ad un medico.

Banale dire che una donna più è giovane più è fertile. Infatti dopo i 30 anni, età media  oggi in cui si comincia a cercare un bambino, la percentuale di rimanere incinta è del 25-30%.

La vita di oggi non ci permette di creare subito una famiglia, i tempi si sono notevolmente allungati. A volte perché si studia almeno fino ai 25 anni , le offerte di lavoro precarie oppure per scelte personali per cui si vuole aspettare di più. Tutto ciò poi si collega alle condizioni di vita che subiamo. Sempre tutto di corsa, sempre tutto e subito, sempre a cercare qualcosa che non arriva ed ecco qui lo STRESS! Altro fattore che influenza un’azione che dovrebbe essere del tutto naturale.

A questi elementi se ne aggiungono altri di natura medica come gli squilibri ormonali e la sindrome dell’ovaio policistico. In merito a questo vi segnalo un articolo dettagliato su https://www.farmacoecura.it/donna/ovaio-policistico-sintomi-terapia-gravidanza/

Spesso può accadere che sia il nostro compagno ad avere dei problemi in questo caso bisogna avviare con tranquillità tutti i controlli del caso, come uno spermiogramma.

Quello che però voglio sottolineare in questo post è come cercare serenità nelle coppia in un momento così delicato che porta a inevitabili discussioni e nervosismi.

Quindi rimanete uniti anche di fronte all’ennesimo test negativo o all’arrivo dell’ennesimo ciclo che ha tardato qualche giorno, regalando false speranze, ma in particolare rimanete uniti davanti ad un aborto, perché sarà una perdita per entrambi.

Parlatevi sempre: la comunicazione è alla base di un rapporto solido. Condividere le emozioni è un’arma a vostro vantaggio per vivere insieme questo momento.

Siate più flessibili: nel senso che ognuno di noi sogna la vita “perfetta” , come una casa, 3 figli e un cane. Ma a volte non è cosi e vanno prese con positività le cose che ci mette davanti la vita.

Non perdete la speranza. Ebbene sì, non datevi per vinti se i primi mesi di prove non portano risultati. Ovviamente cominciamo a preoccuparci se passato un anno il test risulta ancora negativo, in quel caso rivolgetevi al vostro medico. Ma ho sentito storie incredibili per cui non arrendetevi.

Related posts

Perchè i bimbi si muovono nel pancione?

Depressione post partum e psicosi i cattivi amici delle neomamme

Vitamina D riduce il dolore del parto

Leave a Comment