• Home
  • Recensioni
  • Il linguaggio segreto dei neonati, Tracy Hogg la guru delle neomamme
Recensioni

Il linguaggio segreto dei neonati, Tracy Hogg la guru delle neomamme

Perchè quando nasce un bambino non ci rilasciano oltre al certificato un bel manuale di istruzioni? Scherzi a parte, l’arrivo di un neonato può sconvolgere i neogenitori in modi diversi. C’è chi entra in crisi, chi si sente inadeguato, chi invece, al contrario delle aspettative è calmo e sereno.

Ovviamente non esiste un manuale quando nasce un bambino e soprattutto non può essere una guida universale, perchè ogni piccolino ha un carattere ben definito fin dall’inizio.

Per la mia esperienza, posso dire invece del grande aiuto trovato in un libro davvero interessante e che consiglio. Sono diventata mamma a 31 anni, l’ho cercato e voluto, ma precedentemente a mio figlio non avevo avuto incontri ravvicinati con questi piccoli “alieni”. Anzi ero parecchio insofferente verso i bimbi 😉 Come si cambia vero?

Stesso discorso per mio marito, nessuna esperienza con piccolini. Fu così che acquistò un libro, “Il linguaggio segreto dei neonati” di Tracy Hogg.

L’abbiamo cominciato a leggere durante l’ultimo trimestre di gravidanza e ci si è aperto un mondo. Ripeto io sono sempre per seguire il proprio istinto, ma ho applicato il metodo consigliato dalla scrittrice con il mio piccolo. Tracy Hogg (1960-2004) era un’infermiera e puericultrice di grande esperienza, che  ha creato un metodo per cercare di dare un supporto concreto ai neogenitori, di fronte alle esigenze di un neonato.

Il metodo in questione va applicato all’incirca ad un mese dalla nascita del piccolo, anzi io ho aspettato anche qualcosa di più. Si chiama E.A.S.Y, che sta per Eat-Mangiare, Activity-Attività, Sleep-Dormire, You-Voi

Dopo aver delineato nell’introduzione i vari tipi di caratteri di neonati, perchè come dicevo prima è ben definito dall’inizio comincia a spiegare EASY.

Come funziona EASY?

Ogni sezione ben approfondita e spiegata dalla Hogg, tramite consigli, esperienze dirette con le famiglie che ha seguito, inizia dal primo “problema” da affrontare col neonato: il mangiare. Riassumo il metodo per farlo capire e magari stimolare alla lettura del libro le future e neomamme.

Suggerisce di far mangiare il piccolo, e c’è una lunga parte dedicata all‘allattamento, sia al seno, artificiale, o misto (che non conoscevo ed è stato quello che ho dovuto seguire). Dopodichè c’è la parte di attività, che per un piccolo di 2 mesi è anche solo il cambio di pannolino o il ruttino. Per uno più grande si intende proprio il giocare o  con la mamma o con le sue cose. Successivamente c’è la lunga parte dedicata al sonno. Credo la più delicata per ogni genitore. In questo caso ho seguito in parte le sue parole, mi sono sentita più a mio agio a seguire il mio istinto in questo. Col sonno poi c’è l’ultima sezione, ovvero il tempo da dedicare a se stessi, lo You.  Quindi spiega quanto sia importante il tempo da ritrovare tra i due genitori e da non sottovalutare.

Non voglio specificare oltre se comunque siete in cerca di un libro da regalare a futuri genitori e trovare un ritmo più sereno con l’arrivo di un bebè questo ve lo consiglio caldamente. Con la nostra famiglia ha funzionato!

Related posts

Compleanno bambini, cosa regalare?

Dal 1 luglio 2019 diventa obbligatorio sensore sui seggiolini auto

Consigli di viaggio: Santorini

Leave a Comment