Recensioni

Cosa serve comprare, per davvero, ad un neonato?

Il test è positivo. La gioia, le lacrime, ci si abbraccia. Ma poco dopo comincia a salire una sensazione del tipo, e ora? Che cosa dovrò comprare? Cosa serve per davvero ad un neonato?

Possibilità economiche a parte le spese per un piccolino diventano davvero tante, e aldilà di poterselo permettere se alcuni oggetti riuscite a trovarli usati da amici o parenti accettateli senza problemi, dato che l’uso che se ne farà è davvero pochissimo.

Dalla nostra esperienza posso dire che c’è la frenesia dello shopping da primo figlio, ma vi assicuro che non ha molto senso. Pensate che la culla del trio la utilizzerete solo 3 4 mesi, idem l’ovetto che va in macchina. Ecco perchè  maggior parte delle cose le ho prese dai parenti. Che ringrazio tutt’ora!

Di seguito la lista di cose che sono davvero utili da comprare per un neonato:

Trio, ma nello specifico noi abbiamo usato un duo. Ho scritto un articolo a riguardo su questo link. Se riuscite a trovarlo di seconda mano è lo stesso. Anche perchè lo stesso passeggino è più ingombrante di quelli leggeri, infatti a 9 mesi per il mio bimbo sono passata a quest’ultimo.

SKÖTSAM Materassino per fasciatoio

Fasciatoio, in realtà di seconda mano del mio nipotino. Era in ottime condizioni e lo uso tantissimo. Per chi ha meno spazio in casa meglio una semplice cassettiera con un cuscino morbido con i lati alti, come questo di Ikea

Cassettiera: fondamentale in una cameretta, per avere in ordine i minuscoli vestitini del nuovo arrivato.

 

Vaschetta: dopo la caduta del cordone ombelicale si può lavare il neonato. I primi 10 giorni l’ho lavato nel lavandino ma poi all’interno del fasciatoio c’è la vaschetta che utilizzo ancora adesso che ha 1 anno. Ci sono anche quelle richiudibili, come quella della Stokke.

Biberon: a me personalmente sono serviti subito non avendo molto latte. Mi sono trovata bene con la linea della MAM, la cui tettarella è stata perfetta fin da subito per mio figlio.

Sterilizzatore: sempre prestato da parenti. Credevo fosse solo l’ennesima cosa inutile invece in 5 minuti sterilizzavo tutti i biberon e l’ho utilizzato per 6 mesi.

Salviette: immancabili nella borsa di una mamma. Per il cambio pannolino sono comodissime. Ne compro a scatoloni interi!

Sdraietta: compratela o fatevela regalare. E’ davvero utile, infatti il mio piccolo ci dormiva o ci stava tranquillo i primissimi mesi. La mettevo anche sul tavolo per poter mangiare in terrazzo. Ci è stato fino ai 6 mesi.

Tappetone o palestrina: utilissima per varie fasi del bimbo. Lo stimola soprattutto per rinforzare le braccia e migliorare la coordinazione. Ne ho avuta una di un cuginetto della Chicco che si trasformava e creava nuovi giochi.

Seggiolone: se avete spazio in casa prendetelo e serve solo dai 6 mesi che inizia lo svezzamento. Ma per chi ha poco spazio ottimo acquisto è l’alza sedia. Ce l’hanno regalata e la uso sempre, sia al ristorante sia in casa per mangiare sul terrazzo. Ero tentata addirittura di togliere il seggiolone e utilizzare solo quella. E’ comoda da portare anche dai nonni!

Culla: sempre usata del mio nipotino. Mio figlio ci ha dormito già a 20 giorni di vita e la tenevo accanto a me. L’ho usata fino ai 6 mesi e per noi è stata utile. Questo dipende se il bimbo dormirà solo o se credete nel cosleeping. Dopo siamo passati direttamente al lettino, che incredibilmente era del papà quando era piccolo! Mio figlio dorme in camera sua dal 6 mese e ci sta bene. Quindi come acquisto ve lo consiglio ma dipenderà da come si abituerà il piccolino.

Seggiolino auto: prendetelo trasformabile in modo da utilizzarlo dall’inizio fino ai 18 kg. Per la seconda macchina l’abbiamo preso usato da un parente, mentre nell’altra ci è stato regalato.

Related posts

Termometro a infrarossi a distanza perfetto per i bambini

Passeggino trio o duo, cosa scegliere?

Halloween a Roma, ecco dove portare i nostri bambini

Leave a Comment