Image default
Notizie

Affrontare l’ansia in questo tempo di distanziamento sociale

Le ultime settimane sono state emotivamente estenuanti per molti di noi. Stiamo tutti attraversando tempi incerti appesantiti dalla paura di ciò che potrebbe accadere. Affrontare l’ansia è qualcosa che centinaia di milioni di persone affrontano quotidianamente. E molto prima dell’arrivo di questa pandemia globale.

Affrontare l’ansia

Già più della metà degli italiani soffre di ansia emotiva, “Mi aspetto un aumento dell’ansia e dei sintomi depressivi quando l’esperienza del distanziamento sociale e dell’isolamento diventeranno più di routine”, ha dichiarato il dott. Alexander Sanchez, uno psichiatra che lavora a New York City all’inizio di questa settimana. “Stiamo cercando di adattarci a un nuovo modo di mantenere virtualmente le connessioni sociali. Ci sarà un po’ di dolore psichico mentre ci adeguiamo“.

In alcuni comuni della mia Regione hanno promosso numeri verdi da chiamare per supporto psicologico. Non tutti stanno apprezzando questo servizio, ho sentito persone lamentare il fatto che solo un incontro telefonico è gratuito, per i successivi addirittura 40 euro per una “seduta”. Ma tanti altri erogano servizio gratuitamente.

Poiché ci si aspetta che l’ansia tra gli italiani aumenti, è importante capire che è normale sperimentare questo stress.

Può manifestarsi in vari modi.

Ansia da produttività: Hai paura di non finire tutta la tua collezione di libri, di imparare una nuova lingua o di suonare uno strumento mentre sei in quarantena a casa? Questo produce solo una enorme quantità di pressione su te stesso, e ti senti “indietro” ad altri che iniziano o fanno mille cose al giorno in questo periodo. Questo si chiama senso di colpa della produttività ed è causato da molteplici forme di ansia. Consentire a una pressione soffocante di affondare la tua psiche durante questo periodo è una reazione all’ansia sociale. Non è necessario fare di più né essere più durante questo periodo. La tua mente sta facendo gli straordinari solo per far fronte a questo momento difficile.

Mangiare nervoso:

il mangiare emotivo è la forma più tradizionale di affrontare l’ansia. Milioni di persone hanno lottato con i disturbi alimentari molto prima che il distanziamento sociale ne possa amplificare i sintomi. È stato clinicamente dimostrato che la maggior parte dei disturbi alimentari è legata all’ansia, alla depressione e spesso all’isolamento. Quindi, essere costretti a una situazione stressante come il distanziamento sociale ora agisce come un fattore scatenante.

Ansia sociale:

si può pensare che solo gli estroversi soffrano maggiormente questo periodo. Ma in realtà ognuno di noi ha bisogno dell’interazione umana per crescere emotivamente. Tanti studi confermano che i legami sociali rafforzano la salute mentale delle persone. Infatti è come quando si dice “Prendiamoci un caffè insieme”, quella è solo una scusa banale per poter stare insieme ai nostri cari e agli amici. Afflitti dalle limitazioni che il distanziamento sociale crea, siamo tutti in svantaggio: introversi e estroversi allo stesso modo. Tutti i tipi sociali, davvero. Ecco perché è più importante che mai appoggiarsi a tutte le forme di interazione sociale. Consiglio: limitate l’ascolto delle notizie, programma il dopo quarantena (lavoro, viaggi, obiettivi sono tutti pensieri positivi).

Dì grazie

Ogni giorno sii grato, per quello che hai e non per quello che non hai in questo momento. Pensa che stai bene di salute, che hai una casa, che i tuoi figli stanno bene… non sono cose scontate.

Riposati

E’ stato dimostrato che ottenere il riposo adeguato è fondamentale per affrontare l’ansia e rimanere nella migliore salute mentale e fisica. Gli adulti dovrebbero dormire ovunque tra le sette e le nove ore di sonno ogni notte. Invece sento tantissimi amici che hanno difficoltà ad addormentarsi o comunque hanno il sonno più agitato in questo momento.

Routine e allenamento

Crea un programma e seguilo. Cerca una routine quotidiana, mettendoti la sveglia, dedicando un’ora alle pulizie, oppure far studiare i ragazzi, aiutandosi con i tempi scanditi dai pasti.

Valorizza la tua salute fisica. Che sia yoga, pesi, cardio fitness spingi la tua forma fisica in primo piano e la tua mente ti ringrazierà.

Vai fuori (in sicurezza)

Stare dentro casa 24/7 non è salutare. Anche se esci dalla porta di casa alcune volte al giorno, tutto aiuta. Balcone, terrazzo, giardino, basta guardare fuori.

Indipendentemente dalla forma di comunicazione, assicurati di prenderti il ​​tempo per parlare, ridere ed essere aperto con le persone significative della tua vita.

Non esiste una guida definitiva per affrontare l’ansia. Siamo tutti preoccupati per la sicurezza delle nostre famiglie, dei nostri amici e della sicurezza finanziaria che ci aiuta a prenderci cura di loro. E mentre molti di noi sono isolati nella pratica del distanziamento sociale, nessuno è in realtà solo. Siamo tutti sulla stessa barca. Tutti alle prese con le stesse preoccupazioni. Siamo forti, resistenti, compassionevoli e ansiosi – non importa quanto possa sembrare prepotente a volte – la supereremo.






Related posts

Pericolosi seggiolini Chicco Oasys i-Size, i test di Altroconsumo

admin

OMS, mascherina per i teenager come gli adulti

admin

Dispositivi antiabbandono, multe dal 6 marzo

admin

Leave a Comment