Recensioni

Consigli di viaggio: Santorini

L’estate è alle porte e quindi perchè non pensare ad un eventuale viaggio, perfetto anche per chi ha bambini, sull’isola di Santorini?

E’ bene che Atlantide resti un mistero…

Le civiltà nascono, crescono ed, infine, muoiono. Prepariamoci a questo. Atlantide non  è mai esistita! E’ in ogni luogo.” Pierre Benoit

E se Atlantide è in ogni luogo, la leggenda e le ricerche annoverano la splendida Isola di Santorini, tra le ipotesi sul mito della civiltà scomparsa. Oggi vi parliamo di quest’isola nell’arcipelago delle Cicladi amatissima dai turisti di tutto il mondo. Ben  2 milioni di visitatori ogni anno scelgono le sue spiagge e i suoi spettacolari panorami.

Nel mar Egeo spicca tra le isole greche questa piccola perla ricca di storia, tradizioni e cultura.

consigli utili:

Quando visitare Santorini: L’isola ha un ottimo clima da aprile a dicembre, più piovosi i mesi tra gennaio e marzo. Se amate il mare e le immersioni, meglio andare durante i mesi estivi, mentre in primavera e autunno è preferibile vedere le città o i musei.

Come arrivare: dall’Italia si può arrivare con l’aereo o con la nave. I voli ci sono ad esempio da Roma Fiumicino diretto per l’Aeroporto di Thira, che dista 6 km dalla capitale Fira.

Per gli spostamenti consiglio di affittare una macchina per muoversi indipendentemente o utilizzare i taxi, con tariffe da 2,50 euro.

Dove dormire: a Fira nella Capitale per passeggiare tra le vie tipiche della città, o nel villaggio di Oia, quello delle case bianche con le cupole tipiche azzurre.

Come muoversi:  il miglior modo per girare l’isola è noleggiare uno scooter . I costi partono dai 16 euro al giorno.

Per vivere a pieno l’atmosfera tipica di quest’isola è d’obbligo iniziare il nostro weekend da Perissa. Non può mancare un bagno nell’acqua cristallina della particolare Black Sand Beach, la Spiaggia Nera lunga 8 km ricca di stabilimenti, negozi e ristorantini dove potersi rilassare prendendo il sole e mangiando in spiaggia.

Bellissimo panorama quello presso il vicino Faro di Akrotiri. E’ sicuramente una delle tappe consigliate e immancabili quando si visita Santorini.

Secondo i miti antichi greci il Faro di Akrotiri rappresenta il punto d’ingresso agli Inferi e gli scavi ritrovati a fine anni 60 hanno riportato alla luce un’intera città.  Si può girare comodamente in quad per poter raggiungere i punti panoramici della costa e visitare le piccole chiesette che si trovano lungo il percorso.

 

Il pomeriggio lo si può dedicare ad una visita alla vicina Città Antica di Thera e al Monastero sul monte Profitis Ilias. Thera fu la prima città dell’isola, risalente al X secolo a.C. Passeggiare tra le sue rovine ci riporta indietro nel tempo e nella storia. Si può raggiungere con la macchina o con il pullman da Kamari. L’ingresso al sito archeologico è gratuito aperto fino alle 15,30. La camminata un po’ impegnativa fino alla parte alta verrà ripagata dalla splendida vista dal monte Mesa Vouna.

Spostarsi sull’isola è veloce e comodo per questo suggerisco di proseguire nel tardo pomeriggio di

raggiungere la Red Beach per la particolare ambientazione che offre. Non ci dedicate più tempo del previsto dato che è sempre affollata e difficile da raggiungere.

Una foto e via!

Altra visita che non può mancare è l’isola di Therasia di fronte Santorini. 

Vengono organizzati sul posto tour perfetti per godersi a pieno l’atmosfera marittima e il panorama selvaggio di questa piccolissima isola. Di solito organizzano anche pranzi a bordo delle barche e la possibilità di fare il bagno nei punti più belli. (prezzi da 66 euro). I tour prevedono soste nella piccola baia di Agios Nikolaos, dove potrete tuffarvi  in acqua e nuotare per circa 30 metri fino ai famosi bagni termali di Palaia Kameni, dove la temperatura dell’acqua varia da 30 a 35 gradi, in quanto si mescola costantemente con le correnti marine. Il tour prosegue verso l’isola di Therasia dove si può scegliere di fare il bagno nelle acque cristalline di Korfos o scendere per visitare i localini e negozietti tipici.

Dopo il tour potreste trascorrere le ore pomeridiane visitando il tipico villaggio di Imerovigli. Quello che avete visto dal basso durante il giro in barca qui a Imerovigli potrete vedere dal punto più alto sopra la Caldera. Il panorama vi regalerà emozioni.

I panorami che ci regala Santorini li ricorderete per sempre.

Nel villaggio di Oia, troveremo le splendide rovine del Castello Bizantino, luogo speciale soprattutto per gli amanti della fotografia. La visita è breve ma assolutamente d’obbligo, come andare a vedere le 3 Blue Domes, le casette con le cupole azzurre tipiche di Santorini.

 

In linea generale è una meta abbordabile e abbastanza economica per tutti. Una piccola vacanza per staccare dallo stress quotidiano che si può fare durante tutto l’anno grazie al clima mite dell’isola. Quest’isola vi regalerà paesaggi indimenticabili, tramonti sul mare, ottimo cibo e tutta la bellezza del mare.

Related posts

Halloween a Roma, ecco dove portare i nostri bambini

Figli o carriera? 3 idee per lavorare da casa

Perchè non dare latte vaccino sotto i 12 mesi?

Leave a Comment